Glossario

Categorie di licenze di condurre

Diverse licenze di condurre permettono di guidare una o più categorie di veicoli. Il sito licenzadicondurre.ch dell’asa (Associazione dei servizi della circolazione in Svizzera) descrive in modo dettagliato le diverse categorie di licenze di condurre.

Competenza

Secondo il pedagogo Franz E. Weinert le competenze comprendono capacità, abilità e nozioni, ma anche disponibilità, attitudini e atteggiamenti di cui deve disporre chi apprende al fine di essere all’altezza dei requisiti.

Competenza del rischio

Per competenza del rischio si intende la capacità di comportarsi in modo favorevole alla sicurezza in una data situazione e alle proprie possibilità. Comprende 4 aspetti parziali: percezione, valutazione, decisione e azione.

Continuum educativo

Con continuum educativo si intende la sequenza coordinativa di elementi educativi per un tempo prolungato e a diversi livelli di formazione in modo che – in una sequenza logica – sostengano l’acquisizione di contenuti complessi.

Costi materiali e immateriali degli incidenti

Oltre ai costi reali diretti e indiretti (danni materiali, costi di cura, perdita di produzione, costi di sostituzione del personale, costi per la polizia e giuridici ecc.) gli incidenti comportano anche i cosiddetti costi immateriali. Vanno menzionati per esempio lo shock, le sofferenze, i dolori, la perdita della gioia di vivere nonché il mancato introito derivante dalla mancata possibilità di consumo dell’individuo

Danni gravi alla persona

I danni gravi alla persona (incidenti gravi) comprendono la somma dei feriti gravi e dei morti. Si parla di persona ferita gravemente se la ferita comporta un’assenza superiore a 3 mesi o una rendita di invalidità.

Infortuni non professionali INP

L’assicurazione contro gli infortuni non professionali copre le conseguenze economiche risultanti dagli incidenti che non si verificano sul lavoro. Tutte le lavoratrici e i lavoratori sono assicurati obbligatoriamente contro gli infortuni non professionali compreso il tragitto casa-lavoro se lavorano almeno 8 ore per settimana per il medesimo datore di lavoro.

Istruzione stradale

Per istruzione stradale si intendono tutte le misure d’istruzione che mirano a un uso sicuro, adeguato all’obiettivo e che tiene conto di variabili economiche ed ecologiche dei singoli mezzi di locomozione. L’istruzione stradale inizia con il bambino piccolo e termina con l’utente della strada anziano.

Legge sulla circolazione stradale LCStr

Questa legge regola il traffico sulle strade pubbliche nonché la responsabilità e l’assicurazione per i danni causati da veicoli a motore, biciclette o mezzi simili a veicoli. Le regole della strada (art. 26–57a) si applicano ai conducenti di veicoli a motore e ai ciclisti che circolano sulle strade destinate al traffico pubblico; per gli altri utenti della strada valgono solo sulle strade aperte interamente o parzialmente ai veicoli a motore.
L’Ordinanza sulle norme della circolazione stradale ONC ovvero l’Ordinanza sull’ammissione alla circolazione di persone e veicoli OAC regola i dettagli (vedi sotto).

Letalità

Misura che indica la pericolosità degli incidenti ovvero la probabilità che una ferita dovuta a un infortunio abbi un esito letale. Normalmente indica il numero di decessi su 10 000 feriti.

Livelli di competenza

I livelli di competenza sono tappe dell’organizzazione delle competenze. Si basano l’una sull’altra. La quantità dei livelli competenza può variare. Un livello di competenza deve essere definito in modo tale che la maggioranza della fascia d’età lo possa raggiungere.

Mezzo di locomozione

Per mezzi di locomozione si intendono i diversi tipi di locomozione che permettono alle persone di spostarsi a piedi o su ruote, con o senza l’ausilio di un motore.

Ordinanza concernente le esigenze tecniche per i veicoli stradali OETV

Questa ordinanza contiene per i veicoli soggetti alla legge sulla circolazione stradale LCStr (vedi sopra):

  • i requisiti tecnici se i veicoli non rientrano nel campo di applicazione di tre altre ordinanze (OETV 1, OETV 2, OETV 3),
  • i criteri per la classificazione dei veicoli,
  • le disposizioni relative agli esami dei veicoli.
Ordinanza sull’ammissione alla circolazione OAC

Questa ordinanza regola l’ammissione di conducenti e veicoli alla circolazione stradale, la formazione e la formazione continua dei conducenti nonché i requisiti richiesti agli esperti della circolazione stradale.

Ordinanza sulle norme della circolazione stradale ONC

Questa ordinanza contiene le regole per i veicoli sulle strade pubbliche nonché le regole per gli altri utenti delle strade pubbliche (pedoni, utenti di mezzi simili a veicoli, cavalli/animali). Inoltre, questa ordinanza regola il comportamento in caso di incidente, l’uso dei veicoli (p. es. sicurezza di funzionamento), il divieto di circolazione la domenica e di notte, gli eventi sportivi sulle strade pubbliche nonché le pene in caso di violazione delle norme di questa ordinanza.

Organizzazione delle competenze

L’organizzazione di una competenza avviene in diversi livelli che si susseguono. Le capacità/abilità e i temi/le nozioni sono la base per il successivo livello di competenza. L’organizzazione di una competenza può seguire diverse direzioni di sviluppo e perdurare nel tempo.

Orientamento alle competenze

Con l’orientamento alle competenze, in riferimento al piano di studio 21, si segnala che un processo di apprendimento non si conclude dopo aver trattato le discipline elencate nel piano di studio, ma solo quando i bambini e gli adolescenti dispongono delle nozioni e capacità necessarie e quando sono in grado di applicarle nel quotidiano.

Prevenzione comportamentale

Le misure per la prevenzione comportamentale influenzano il comportamento di un individuo, agendo sui fattori individuali dell’individuo quali l’atteggiamento, le nozioni, la competenza del rischio ecc. Esempi: campagne, corsi, formazione

Prevenzione strutturale

La prevenzione strutturale influenza il rischio di un’azione, agendo sulle condizioni quadro di questa ed eliminando così le possibilità di scelta individuali nel comportamento.

Esempi: regole giuridiche, misure ambientali architettoniche e sociali, incentivi (p. es. delle assicurazioni), norme sociali, migliorare il comfort delle protezioni ecc.

Rapporto SINUS

Il rapporto SINUS pubblicato annualmente presenta in modo differenziato, servendosi di dati commentati e grafici, il livello di sicurezza e dell’incidentalità nella circolazione stradale. L’upi – Ufficio prevenzione infortuni – è l’autore e l’editore.

Statistica della polizia

In caso di incidente stradale con danno materiale, la polizia può denunciare il trasgressore con un processo verbale d’incidente completo o con un rapporto di denuncia. Solo i rapporti d’incidente completi contengono un processo verbale d’incidente. In base a tali dati, Ufficio federale delle strade USTRA genera la Statistica degli incidenti. Il processo verbale d’incidente contiene per esempio fino a tre cause dell’incidente da una ampia lista di possibili cause che la polizia attribuisce sul luogo agli utenti coinvolti nell’incidente.